pag. 1 / 1
Maxim Biller

È stato detto di Maxim Biller (Praga, 1960) che è uno scrittore nato dalla collisione di diverse identità. Figlio di ebrei russi trasferitisi in Cecoslovacchia, all’indomani della Primavera di Praga è emigrato bambino assieme ai genitori nella Germania dell’Ovest. Polemista molto discusso per la sua penna sferzante e acuminata, collaboratore di giornali come «Die Zeit» e «Rolling Stone», i suoi testi sono apparsi anche sul «New Yorker». Nel 1990, dopo anni di critica militante, ha spiazzato tutti esordendo con una raccolta di racconti “perfetti” che hanno fatto evocare i nomi di Philip Roth, Heinrich Böll, John Updike e Woody Allen. Da lì è iniziata una carriera che lo ha posto al centro della scena letteraria tedesca ed europea, imponendolo di libro in libro come uno dei narratori più appassionanti, imprevedibili e divertenti dei nostri tempi. Tradotto in numerose lingue, Taci, memoria è il suo primo libro pubblicato in italiano.

Maxim Biller per L'orma...

Maxim Biller
2015, pp. 280, € 14,40