€ 17,10
Gennaro Serio

Notturno di Gibilterra

«Il vero scrittore è l’assassino, Nadja, dissi, non è il detective né il salvatore, e la sua opera deve essere distruttiva, non deve piacere ai re.»
2020, pp. 264, brossura con sovracoperta
isbn 9788831312028 | collana: I Trabucchi
€ 18,00  –5%  € 17,10
Sinossi

Sospinto da uno stile versatile e sorprendente, Notturno di Gibilterra mette in atto un furibondo sabotaggio del genere più letto e amato: il giallo. Nell’appartata sala da tè del Grand Hotel Rodoreda di Barcellona, un giovane giornalista sta intervistando il celebre scrittore Enrique Vila-Matas. Ma, evidentemente, qualcosa va storto. Nella sala resta solo il cadavere dell’intervistatore, e Vila-Matas pare svanito nel nulla. Un detective scontroso, e fiero «nemico delle Lettere», si lancia all’inseguimento del supposto assassino con l’aiuto della sorella Soledad, medico legale e coltissima lettrice, che sembra invischiata nella vicenda più di quanto non dovrebbe. Si innesca così un congegno romanzesco composto di carteggi, referti, interviste, picaresche peripezie (e persino di un campionato mondiale dei detective letterari in cui si sfidano mostri sacri come Poirot, Montalbano, Maigret e Sherlock Holmes). Un «ipergiallo» giocoso e diabolico che attraverso una sapiente rete di divertiti omaggi e ghiotte citazioni porterà il lettore dai canali delle Fiandre al Baltico, dall’Accademia di Svezia alla Patagonia, per approdare infine a Gibilterra, dove marginali poeti allo sbando rivendicano uno spazio a quella materia incandescente che è la letteratura.

Recensioni
Sugli altri media
Ti potrebbe interessare...
Diego Lanza
2019, pp. 160, € 17,10
Bernard Quiriny
2015, pp. 208, € 14,25