€ 26,60
Frédéric Pajak

Manifesto incerto. Con Walter Benjamin, sognatore sprofondato nel paesaggio

«Frédéric Pajak ha inventato un nuovo genere, il “saggio grafico”. O forse non l’ha inventato lui, ma quel che è certo è che lo ha portato alla sua forma più perfetta.» Le Nouvel Observateur
traduzione di Nicolò Petruzzella
2020, pp. 192, brossura con alette
isbn 9788831312035 | collana: Kreuzville
€ 28,00  –5%  € 26,60
Sinossi

Amburgo, 1932. Un uomo dall’aria stanca, abito scuro e ventiquattrore alla mano, si appresta a salire sulla passerella del cargo Catania, diretto a Ibiza. È Walter Benjamin, critico e scrittore ancora senza fama né opera, in fuga da una Germania sull’orlo della follia. Isolato e lontano da ogni forma di modernità, finirà per indagare il proprio tempo come nessun altro.
Losanna, 1980. A pochi giorni dall’attentato che ha ucciso ottantacinque persone nella stazione di Bologna, un uomo arruffato e infreddolito varca la soglia di un bar di periferia, terra franca di neonazisti e fanatici antisemiti. È Frédéric Pajak, scrittore e disegnatore inclassificabile, alla deriva per l’Europa inseguendo l’opera di una vita, «un libro fatto di parole e immagini, scene d’avventura, ricordi sparsi, aforismi, fantasmi, eroi dimenticati, alberi, la furia del mare».
Mescolando episodi autobiografici e affondi sulla straordinaria figura di Benjamin, Pajak ricostruisce con passione critica alcuni momenti fatali del Novecento europeo, tavola dopo tavola, frase dopo frase, muovendosi tra Parigi, Capri e una desolata Sicilia d’aprile. Entrare nelle pagine e perdersi fra i tratti a china degli oltre cento disegni di Manifesto incerto significa intraprendere un viaggio militante e commosso nei territori della melanconia e della bellezza.

Recensioni
Ti potrebbe interessare...
Bernard Quiriny
2019, pp. 232, € 15,20
Gennaro Serio
2020, pp. 264, € 17,10