«Nello zaino di un viaggiatore nulla è più pesante e più leggero di un libro.»

Che si tratti di un palcoscenico a picco sul mare d’Irlanda o di una baia di Hong Kong dove grattacieli vertiginosi affondano divorati dalle fiamme, Christoph Ransmayr ha sempre un luogo da raccontare.
Scrittore e viaggiatore instancabile, ha navigato su una rompighiaccio tra le banchise artiche, passeggiato sui pendii himalayani in compagnia di Reinhold Messner e ha saputo rintracciare nei suoi vagabondaggi il filo di un tempo che va «dal passato più profondo al futuro più lontano», il tempo della narrazione.
Ogni spazio toccato dall’occhio di Ransmayr si popola così di una pluralità di voci in dialogo tra loro: i suoni siderali di una Natura estrema, gli echi di antiche ballate migrate di bocca in bocca, i ricordi dell’infanzia fra i laghi d’Austria.
Tra gorilla misteriosamente saggi, creature degli abissi che paiono aliene e maiali di cui scrivere la biografia, le storie de L’inchino del gigante gettano una luce inedita e sorprendente sugli angoli più inaccessibili e disparati del pianeta Terra e su uno degli animali più strani che lo abitano: l’homo sapiens.

Christoph Ransmayr (1954) è uno dei più grandi autori austriaci contemporanei. Scrittore di straordinaria inventiva ed esploratore giramondo, tra i suoi libri più celebri, tradotti in oltre trenta lingue, ricordiamo Il mondo estremo, Atlante di un uomo irrequieto e Il maestro della cascata. Ha ricevuto innumerevoli riconoscimenti a livello mondiale tra cui il Premio Letterario Internazionale Mondello, il Prix du Meilleur livre étranger e il Kleist-Preis.
L’inchino del gigante raccoglie in un unico volume cinque brevi libri, selezionati di concerto con l’autore e accomunati dal tema del viaggio e della metamorfosi, che del viaggio può essere considerata «la forma più estrema».

Cofinanziato dal programma Europa Creativa dell’Unione Europea.

sugli altri media
volumi correlati
Ludwig Renn
Guerra
E.T.A. Hoffmann
La principessa Brambilla
Dove si narrano gli amori di Giglio e Giacinta nella cornice da sogno della più bella fiaba mai scritta sul Carnevale.