«Ho dodici anni, e questa sera sarò morta.»

Una ragazzina ingoia l’intero contenuto dell’armadietto di medicinali del­la madre per uscire da una vita di solitudine e affetti traditi. Prima di assopirsi ci racconta la sua storia di piccole delusioni che sembrano insormontabili, la storia di quella fa­tica naturale di divenire un’altra che può essere l’adolescenza e che continua a riguardare tutti ogni volta che ci troviamo ingabbiati in un’esistenza spenta e domata. Una fatica accesa di entusiasmi: la gioia della radio, l’ossigeno della mu­sica, il sogno del giornalismo, la festa delle visite degli sfarzosi amici del nonno, gaudenti scialatori di senti­menti e di denari. Il tutto in una Pa­rigi degli anni Sessanta vibrante di aneddoti famigliari e canzoni alla moda. Un romanzo che è una finestra sull’interiorità in ebollizione di una bambina. La ricostruzione fedele, acuta e commovente di quell’età della vita in cui il mondo comincia a fraintenderci.

Michèle Halberstadt è una donna dal talento variegato e completo che ha vissuto dall’interno ogni aspet­­to della cultura francese e internazionale: scrittrice, giornalista, sce­neggiatrice, ha attraversato da protagonista la scena cinematografica francese, recitando con Jean-Luc Godard e producendo film quali, tra gli altri, Rosetta dei fratelli Dar­denne e This Must Be the Place di Paolo Sorrentino. Oltre che in Francia, La petite, il suo quinto romanzo, è stato accolto con calore da critica e pubblico anche negli Stati Uniti.

sugli altri media
14/03/2013 · Rai Radio Tre - Qui Comincia
20/02/2013 · Pub - Lettori alla spina.
volumi correlati
Angelika Klüssendorf
La ragazza
Mirion Malle
Commando Culotte
Scorribande di genere nell’intimo della cultura pop
Frédéric Pajak
Manifesto incerto
Sotto il cielo di Parigi con Nadja, André Breton, Walter Benjamin
Lukas Bärfuss
Hagard