«Ho dodici anni, e questa sera sarò morta.»

Una ragazzina ingoia l’intero contenuto dell’armadietto di medicinali del­la madre per uscire da una vita di solitudine e affetti traditi. Prima di assopirsi ci racconta la sua storia di piccole delusioni che sembrano insormontabili, la storia di quella fa­tica naturale di divenire un’altra che può essere l’adolescenza e che continua a riguardare tutti ogni volta che ci troviamo ingabbiati in un’esistenza spenta e domata. Una fatica accesa di entusiasmi: la gioia della radio, l’ossigeno della mu­sica, il sogno del giornalismo, la festa delle visite degli sfarzosi amici del nonno, gaudenti scialatori di senti­menti e di denari. Il tutto in una Pa­rigi degli anni Sessanta vibrante di aneddoti famigliari e canzoni alla moda. Un romanzo che è una finestra sull’interiorità in ebollizione di una bambina. La ricostruzione fedele, acuta e commovente di quell’età della vita in cui il mondo comincia a fraintenderci.

Michèle Halberstadt è una donna dal talento variegato e completo che ha vissuto dall’interno ogni aspet­­to della cultura francese e internazionale: scrittrice, giornalista, sce­neggiatrice, ha attraversato da protagonista la scena cinematografica francese, recitando con Jean-Luc Godard e producendo film quali, tra gli altri, Rosetta dei fratelli Dar­denne e This Must Be the Place di Paolo Sorrentino. Oltre che in Francia, La petite, il suo quinto romanzo, è stato accolto con calore da critica e pubblico anche negli Stati Uniti.

sugli altri media
14/03/2013 · Rai Radio Tre - Qui Comincia
20/02/2013 · Pub - Lettori alla spina.
volumi correlati
Angelika Klüssendorf
La ragazza
Frédéric Pajak
Manifesto incerto
Con Walter Benjamin, sognatore sprofondato nel paesaggio
Bernard Quiriny
Vite coniugali