Lettere come racconti mossi e coinvolgenti in cui narrare una vita che per intensità e personaggi indimenticabili fu davvero un romanzo. Mary Shelley, l’autrice di Frankenstein, viene qui colta nel vortice dei gloriosi anni del Romanticismo: si appassiona, soffre, sperimenta con l’esistenza e dipinge la luce accecante e le ombre vertiginose del cenacolo di amici geniali che decisero che la bellezza del mondo è inseparabile dalle sue verità.

volumi correlati
Virginia Woolf
Tutto ciò che vi devo
Lettere alle amiche
Lewis Carroll
Oltre la meraviglia
Lettere al di qua dello specchio
Marina Cvetaeva
L’oceano leggeva con me
Lettere a Rilke sulla poesia
George Orwell
Guardarsi dalla santità
Lettere di un ragionevole eretico