€ 14,40
Maxim Biller

Taci, memoria

«Le storie di Maxim Biller sono tesori della letteratura mondiale.» Der Spiegel
traduzione di Marco Federici Solari
2015, pp. 280, brossura con alette
isbn 9788898038619 | collana: Kreuzville
€ 16,00  –10%  € 14,40
Sinossi

Cosa resta del passato se la memoria è un’in­correggibile bugiarda? La risposta si può inseguire tra le pieghe di queste storie pirotecniche, saporite come pietanze yiddish. Battibecchi e bevute in caffè mitteleuropei, una madre impazzita per aver letto troppa poesia russa, un padre vendicato rifiutando un manoscritto, telefonate da un passato rimosso, coppie felici e difficili ben oltre l’orlo di una crisi di nervi, un omino smilzo chiamato Bruno Schulz che da un villaggio polacco invia una lettera folle, grottesca e struggente a Thomas Mann. Le trame di questo capofila della narrativa contemporanea sono mosse da imprevedibili ritmi jazz e innaffiate da litri di vodka incandescente. Un libro che raccoglie vent’anni di scrittura sempre in bilico tra humour sfrenato e tragica malinconia, realismo magico e minimalismo lirico, dove le vite fragili e fertili dei protagonisti divengono cifra del nostro tempo, «perché Dio ha un progetto per noi, ma lo elabora sempre all’ultimissimo secondo».

Recensioni
Sugli altri media
Ti potrebbe interessare...
François Weyergans
2018, pp. 184
Ronald M. Schernikau
2017, pp. 120, € 9,90