«Il più grande scrittore francese del mio tempo.»
Georges Simenon

Marcel Aymé, ovvero quando la fantasia irrompe nella realtà con la forza di un tornado.
Come accade al romanziere Martin, che aveva la brutta abitudine di far sempre morire i suoi personaggi finché un giorno non ricevette la visita di uno di loro deciso a rivendicare il proprio diritto alla vita. O a quel signore di Montmartre, cui spuntò in testa un’aureola che gli causò più imbarazzi che ammirazione. Miracoli improbabili, un po’ ridicoli, sempre esilaranti, raccontati per il puro piacere di affabulare, e per mettere alla berlina i peccati dell’umanità senza rinunciare a intenerirsi per l’umanità dei peccatori.
In questa raccolta di novelle, che rilancia in Italia il miglior Aymé dopo un’assenza durata decenni, il pirotecnico scrittore sciorina con benevolo ma corrosivo umorismo un insuperabile campionario di figure di ordinaria straordinarietà. Un catalogo ragionato e irragionevole di casi limite per descrivere alcuni caratteri, universali e non sempre lusinghieri, della grande e litigiosa famiglia degli umani.

Marcel Aymé (1902-1967) è considerato uno dei massimi scrittori fantastici europei e tra le personalità più originali prodotte dalla cultura francese del Novecento. Nato in un ambiente contadino, le fitte letture e i casi della vita lo portano a Parigi, dove nel 1926 pubblica il suo primo libro. Autore prolifico e controverso, sornionamente inclassificabile, ha scritto romanzi, opere teatrali, sceneggiature e saggi, ma sono stati i suoi racconti, dalla spiccata vena umoristica, a renderlo amatissimo in tutto il mondo e a farne un maestro – anche suo malgrado (rifiutò la Legion d’onore e la candidatura a entrare nell’Académie française) – per generazioni di scrittori.

sugli altri media
volumi correlati
Bernard Quiriny
Storie assassine
Bernard Quiriny
Vite coniugali
Bertolt Brecht
Il romanzo da tre soldi
«I libri di Storia e le biografie non bastano più: mostrateci i libri paga.»