€ 14,40
Hermann Burger

L'illettore

«In una società in cui tutti cercano di piacere a se stessi e agli altri, solo Hermann Burger ha portato al capolavoro l'arte di essere insoddisfatti di sé.» Peter Sloterdijk
traduzione di Anna Ruchat
2017, pp. 168, brossura con alette
isbn 9788899793142 | collana: Kreuzville Aleph
€ 16,00  –10%  € 14,40
Sinossi

Rinchiuso in una misteriosa e metafisica gattabuia, un uomo, affetto da uno strano morbo che gli impedisce di leggere i libri e di decifrare i segni del mondo, cerca la guarigione nel rapporto epistolare con una radiosa principessa, vestale dei classici letterari di ogni tempo. In sette vertiginose missive l’«illettore» racconta la propria vita come una «morte apparente». La narrazione, pagina dopo pagina, si trasforma in terapia per riaffacciarsi alla speranza e all’immaginazione, un percorso capace di regalargli infine l’euforia della convalescenza. Libro ossessionato dai libri, corso intensivo per lettori convulsi e dissennati, questo romanzo è un viaggio all’interno di una miniera oscura, ricca di frasi e immagini lucenti, sfaccettate ed enigmatiche come pietre preziose. Allucinato esperimento su «quanto in là si possa andare nello spingersi troppo in là», la confessione di Burger è anche – come rivela il breve saggio autobiografico che chiude il volume – il documento unico di un’esperienza di depressione clinica, un ironico «tentativo di sopravvivenza in prosa» scritto contro l’oblio: «Lo scrittore non dimentica mai, serba rancore in eterno».

Recensioni
Ti potrebbe interessare...
Honoré de Balzac
2017, pp. 168, € 15,00
Marcel Aymé
2016, pp. 216, € 14,40