€ 16,20
Diego Lanza

Il gatto di piazza Wagner

«Di chi sono i ricordi? So di ricordare cose che non ho mai visto, che non avrei mai potuto vedere. [...] Eppure anche questi ricordi mi appartengono, sono miei.»
2019, pp. 160, brossura con sovracoperta
isbn 9788899793739 | collana: I Trabucchi
€ 18,00  –10%  € 16,20
Sinossi

Ci sono libri che si compongono alla fine di una vita e raccontano la dignità e l’intelligenza di un individuo, forse di un Paese intero. Il gatto di piazza Wagner, unica prova narrativa di un autore altrimenti noto per i suoi fondamentali contributi alla comprensione della cultura classica, è uno di questi libri. Un’infanzia milanese nell’arco temporale che va dal Fascismo alla fine degli anni Sessanta, con al centro la figura del padre – lo scrittore, giornalista e drammaturgo Giuseppe Lanza – rimasto vedovo troppo presto, teneramente orgoglioso dei suoi magri tentativi culinari, che emerge con tutta la sua preziosa serietà e decenza. Scomponendo i meccanismi di una memoria famigliare che tende a fondersi con quella individuale («Di chi sono i ricordi?» è il programmatico incipit del testo), Il gatto di piazza Wagner descrive una città vibrante – tra appassionate discussioni nelle latterie di quartiere e palpitanti prime teatrali – e indaga con ragionata esattezza azioni e moventi di protagonisti e comprimari, dallo zio Ramy agli amici letterati, da Solmi a Montale, da Lodovici a Bazlen. Una lettura che ci rimanda, come un monito e come un modello, alla migliore tradizione intellettuale ed etica del nostro Novecento.

Recensioni
Sugli altri media
Ti potrebbe interessare...
Pierre Pachet
2019, pp. 160, € 16,20
Annie Ernaux
2014, pp. 120, € 9,00